SEZIONI NOTIZIE

Da colpo dell'estate ad esubero: la parabola discendente di Maric

di Stefano Pontoni
Vedi letture
Foto

Doveva essere, anzi per certi versi almeno mediaticamente lo è anche stato, il colpo dell'estate e poi...e poi se ne stanno perdendo via via le tracce.

Dall'arrivo a Linate con il jet privato di Berlusconi alla tribuna nella gara contro il Chievo Verona sembra passata una vita e invece si parla soltanto di pochi mesi. Cosa è successo nel frattempo? 15 presenze, la gran parte spezzoni e solo due gol messi a segno. Numeri impietosi, un magro bottino che ha trasformato Mirko Maric da bomber a tribunaro

Eppure in estate c'aveva creduto fortemente il Monza, convinto dalle 20 reti con la maglia dell’Osijek e il titolo di capocannoniere del campionato croato. Galliani non aveva indugiato e per strapparlo alla concorrenza dei Rangers Galsgow di Steven Gerrard, aveva messo sul piatto una cifra importante, soprattutto per la cadetteria, 4,5 milioni di euro. 

Un investimento che ha reso decisamente meno di quanto ci si aspettasse. Il croato, troppo simile per movimenti anche allo stesso Gytkjaer, con il quale si diceva perfino potesse comporre una coppia atomica, è uscito ben presto dalle rotazioni di Brocchi. Sorpassato nelle gerarchie da Dany Mota prima, con l'arrivo di Balotelli e Diaw praticamente è diventato un esubero. Il tecnico sembra non averci creduto fin dal principio. Le sue caratteristiche sembrano poco integrarsi con gli schemi adottati.

Brocchi l'ha provato anche largo, in stile Mandzukic alla Juve, senza però grossi risultati. Ovviamente ad un giocatore dal fisico possente, tutt'altro che brevilinio, non si può chiedere di fare l'esterno a tutta fascia. Poi la bocciatura definitiva, da gennaio a questa parte.

E ora? Separato in casa, dopo che il Monza, nell'ultimo giorno di mercato ha provato a darlo al Vicenza. Maric ha detto no, volenteorso di giocarsi le sue carte. Un'occasione, però, difficilmente arriverà da qui alla fine. Là davanti sono già in troppi...

A fine stagione probabile allora che arriverà quella separazione rimandata a gennaio. 

Altre notizie
Domenica 07 marzo 2021
17:05 Le Altre di B L'Empoli rallenta, 1-1 in casa con il Cittadella 16:49 L'Avversario Pordenone, il ds Berrettoni: "Rigore netto dalla tribuna, non capisco come mai non sia stato dato" 12:56 News I numeri di Monza-Pordenone: prima vittoria interna del 2021 11:40 News Comunicato federale falso dopo Monza-Cittadella, il dg del club si difende 11:15 Multimedia FOTOGALLERY - Gli scatti di Monza-Pordenone 2-0
10:55 News TS - Il Monza si riprende la zona serie A, negato un penalty ai friulani. Voti alti in pagella 10:35 News CdS - Monza, secondo posto di 'rigore'. Tutti promossi 10:14 News GdS - "Brocchi show, con lui la A è più vicina. Friulani furiosi"
Sabato 06 marzo 2021
21:52 L'Avversario Tesser: "Nel secondo tempo abbiamo messo il Monza nella sua metà campo" 21:30 Editoriale Frattesi-Gytkjaer e il Monza si sbarazza del Pordenone: è secondo posto 21:00 L'Avversario Pres. Pordenone: "Meritiamo più rispetto" 20:49 Primo Piano Brocchi: "Abbiamo numeri importanti, lavoriamo per migliorare" 20:46 Focus Boateng al 90esimo: "Ci mancava vincere in casa. Dopo il gol è tornata la fiducia" 19:57 Pagelle Le pagelle di Monza-Pordenone 2-0: Frattesi il migliore, buona prova di Pirola e Gytkjaer 19:07 Primo Piano Vittoria importantissima per il Monza: Pordenone battuto 2 a 0 19:06 News Battibecco tra Sampirisi e Boateng a fine primo tempo 18:53 Focus Ds Antonelli: "Stiamo giocando un buon calcio" 18:45 L'Avversario Dg del Pordenone: "Puntiamo ad una salvezza tranquilla" 17:28 News Monza-Pordenone, le formazioni ufficiali: Balotelli in panchina, inizia Gytkjaer 14:00 Focus I risultati del pomeriggio della 27esima giornata di serie B